1200px-San_Ángelo,_de_Antonio_de_Pereda_y_Salgado_(Museo_del_Prado)CONVEGNO STUDI, Licata 15 maggio 2021

L’Ottavo Centenario del martirio di sant’Angelo (1220-2020), uno dei primi santi dell’Ordine Carmelitano insieme a sant’Alberto degli Abbati (†1307), rappresenta un’importante occasione per riscoprirne e valorizzarne la figura. Per questo motivo, la Postulazione Generale e l’Archivio Generale dell’Ordine Carmelitano hanno deciso di organizzare un convegno scientifico, finalizzato a riflettere e ulteriormente approfondire lo studio del Santo, dal punto di vista storico, agiografico e iconografico.
Sant’Angelo, infatti, è annoverato quale pater Ordinis dall’Ordine Carmelitano e il suo ruolo, sia sul piano simbolico che iconografico, è centrale fin dal tardo Medioevo, in cui compare in raffigurazioni e opere agiografiche e spirituali. Il convegno sarà l’occasione per riportare al centro dell’attenzione degli studiosi una figura tanto rilevante quanto non ancora oggetto di uno specifico e sistematico approfondimento scientifico.

I contributi proposti potranno prendere in esame, tra gli altri, i seguenti temi:
1) storia e ricezione della sua figura nell’Ordine Carmelitano attraverso i secoli;
2) iconografia e aspetti storico-artistici;
3) aspetti liturgici;
4) testi agiografici, tradizioni letterarie e riferimenti inclusi anche in fonti non carmelitane;
5) storia dell’Ordine Carmelitano in Sicilia nel basso medioevo e con particolare riferimento al contesto storico del Santo;
6) relazione della sua figura con gli altri due grandi fondatori degli ordini mendicanti, san Francesco e san Domenico.

Le proposte di relazione dovranno avere una lunghezza massima di 300 parole ed essere inviate, insieme al proprio profilo bio-bibliografico, all’indirizzo archivio@ocarm.org entro e non oltre il 30 novembre 2020. La comunicazione dei contributi accettati per il convegno sarà fornita ai diretti interessati entro il 10 dicembre 2020. Le relazioni, della durata massima di 25 minuti, potranno essere svolte in italiano, inglese, spagnolo, francese. Esse verranno successivamente pubblicate in un volume edito dalle Edizioni Carmelitane.

Responsabili scientifici:
P. Mario Alfarano O.Carm., Archivista Generale
Dott. Marco Papasidero

 

SCARICA call_for_papers_ita

SCARICA call_for_papers_en

SCARICA call_for_papers_fr

SCARICA call_for_papers_es

SCARICA call_for_papers_pr

Oggi, 3 giugno 2020, l’Archivio Generale dell’Ordine Carmelitano riapre al pubblico. Gli studiosi saranno accolti in maniera contingentata e su appuntamento, secondo il seguente regolamento temporaneo:

SCARICA AGOC_Regolamento temporaneo_COVID19

SCARICA AGOC_Autodichiarazione_COVID19

 

Si comunica che, per venire incontro alle difficoltà causate dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, sono state aggiornate le scadenza e le altre date contenute nel Bando per l’assegno di ricerca intitolato alla memoria di p. Emanuele Boaga, O.Carm. (Quarta edizione).

In particolare il termine ultimo per la presentazione delle domande è stato prorogato al 30 settembre 2020.

 

ASSEGNO DI RICERCA ALLA MEMORIA DI P. EMANUELE BOAGA, O.CARM. – QUARTA EDIZIONE (2020)

Bando di selezione per il conferimento di n. 1 Assegno di ricerca

Decorrenza 1 febbraio 2020 – Scadenza 30 settembre 2020

 

Conformemente alle proprie finalità, l’Archivio Generale dell’Ordine Carmelitano (d’ora in poi AGOC) indice una selezione per titoli e colloquio per il conferimento a studiosi di n. 1 assegno di ricerca, intitolato alla memoria dell’archivista p. Emanuele Boaga, O.Carm., per lo svolgimento di ricerche storiche, storico-religiose, filologiche o archivistiche relative all’Ordine Carmelitano, da condursi utilizzando il patrimonio dell’AGOC, e che abbiano come obiettivo la produzione di un elaborato scientifico (articolo, monografia, edizione di fonti, inventariazione ecc.). La Commissione scientifica si riserverà di valutare la pubblicazione di tale elaborato nelle riviste o collane scientifiche dell’Ordine Carmelitano.

Importo dell’assegno: 5500 euro lordi

Regime di prestazione autonoma e assenza di vincoli di subordinazione: il vincitore non sarà inserito nell’organigramma dell’Archivio né nelle sue attività e potrà liberamente organizzare la propria ricerca, anche da casa. Tasse ed eventuali contributi previdenziali saranno determinati sulla base del regime fiscale e previdenziale del vincitore (p.iva o gestione separata): per tale ragione il vincitore prescelto dovrà comunicare la propria situazione fiscale all’amministrazione dell’Archivio al momento dell’accettazione dell’assegno.

Assegno compatibile con altre borse o redditi da lavoro.

Durata: 9 mesi (1 novembre 2020 – 31 luglio 2021), durante i quali l’assegnista sarà libero di organizzare in autonomia tempi e modi della ricerca.

Per ogni richiesta di ulteriori informazioni, v’invitiamo a scrivere al seguente indirizzo: archivio@ocarm.org

scarica AGGIORNAMENTO_1.BANDO ASSEGNO E. BOAGA 2020 ITA

scarica AGGIORNAMENTO_2.BANDO ASSEGNO E. BOAGA 2020 ESP

scarica AGGIORNAMENTO_3.BANDO ASSEGNO E. BOAGA 2020 ENG

scarica AGGIORNAMENTO_4.allegato_DOMANDA DI AMMISSIONE BANDO BOAGA 2020

 

In questa fase di transizione verso la normale ripresa delle attività in seguito all’emergenza epidemiologica da COVID19, nel mese di giugno 2020 l’Archivio Generale dell’Ordine Carmelitano riaprirà al pubblico in maniera contingentata e su prenotazione, secondo la normativa vigente e regole di buon senso appositamente adottate. La data di ripresa del servizio e le modalità per accedervi saranno comunicate a breve.

Vi ringraziamo per la pazienza e la collaborazione.

ff_ 107r-127r_0001

Bando di selezione per il conferimento di n. 1 Assegno di ricerca

Decorrenza 1 febbraio 2020 – Scadenza 30 luglio 2020

Conformemente alle proprie finalità, l’Archivio Generale dell’Ordine Carmelitano (d’ora in poi AGOC) indice una selezione per titoli e colloquio per il conferimento a studiosi di n. 1 assegno di ricerca, intitolato alla memoria dell’archivista p. Emanuele Boaga, OCarm, per lo svolgimento di ricerche storiche, storico-religiose, filologiche o archivistiche relative all’Ordine Carmelitano, da condursi utilizzando il patrimonio dell’AGOC, e che abbiano come obiettivo la produzione di un elaborato scientifico (articolo, monografia, edizione di fonti, inventariazione ecc.). La Commissione scientifica si riserverà di valutare la pubblicazione di tale elaborato nelle riviste o collane scientifiche dell’Ordine Carmelitano.

Importo dell’assegno: 5500 euro lordi

Regime di prestazione autonoma e assenza di vincoli di subordinazione: il vincitore non sarà inserito nell’organigramma dell’Archivio né nelle sue attività e potrà liberamente organizzare la propria ricerca, anche da casa. Tasse ed eventuali contributi previdenziali saranno determinati sulla base del regime fiscale del vincitore (p.iva o gestione separata): per tale ragione il vincitore prescelto dovrà comunicare la propria situazione fiscale all’amministrazione dell’Archivio al momento dell’accettazione dell’assegno.

Assegno compatibile con altre borse o redditi da lavoro.

Durata: 9 mesi (1 ottobre 2020 – 30 giugno 2021), durante i quali l’assegnista sarà libero di organizzare in autonomia tempi e modi della ricerca.

Per ogni richiesta di ulteriori informazioni, v’invitiamo a scrivere al seguente indirizzo: archivio@ocarm.org

 

SCARICA BANDO 2020 ITA

SCARICA ALLEGATO 1: DOMANDA DI PARTECIPAZIONE 2020

 

Comunichiamo che giovedì 19 dicembre 2019 sarà l’ultimo giorno di apertura dell’archivio prima delle vacanze natalizie: riapriremo mercoledì 8 gennaio 2020.
Cogliamo l’occasione per augurarvi un sereno Natale e un buon anno nuovo.

6116189_orig

(Nella foto: Filippino Lippi, L’Adorazione dei Magi, tempera grassa su tavola, 1496, Galleria degli Uffizi, Firenze. Immagine di pubblico dominio: it.wikipedia.org/wiki/Filippino_Lippi#/media/File:Adorazione_dei_magi,_filippino_lippi.JPG)

ThumbServlet

Siamo molto felici di comunicarvi che la Terza edizione dell’Assegno di ricerca intitolato alla memoria di p. Emanuele Boaga è stata vinta dal dottor Jacopo De Santis, dottore di ricerca in Storia e Scienze sociali e archivista paleografo diplomato alla Scuola APD dell’Archivio di Stato di Roma. Lavorerà a un progetto intitolato “L’archivio del convento di Santa Maria in Traspontina: una proposta di riordinamento e inventariazione”.

Il complesso documentario della Traspontina, conservato presso l’AGOC e in parte presso l’Archivio di Stato di Roma, comprende la documentazione relativa al periodo in cui il suddetto convento era sede della Curia generalizia e dipendeva direttamente dal priore generale. Perciò in esso sono confluiti non solo i documenti relativi all’amministrazione del convento, ma anche quelli relativi all’amministrazione dei curiali: procuratori, postulatori, economi generali ecc. È proprio in questa commistione e sovrapposizione di giurisdizioni che risiedono le criticità ma anche l’estremo interesse di questo riordinamento.